SONO ANDATA IN MADAGASCAR E VOGLIO RACCONTARVI TUTTO

<<Voglio raccontarvi tutto>> scrive Giulia nella sua lettera. Vuole raccontare cosa ha significato per lei andare in Madagascar con Change Onlus, dove ha partecipato all’inaugurazione del Centro Sanitario del 25 aprile scorso. Giulia ha 12 anni, ha accompagnato i nostri medici nella missione di aprile 2014, ed è stata la mascotte del gruppo. Non si è fermata un attimo, ha corso, giocato, aiutato e sorriso sempre!
Riportiamo di seguito il suo testo e le sue parole, esattamente come Giulia ha voluto scriverle per condividere con voi la sua esperienza. Noi di Change Onlus lo sappiamo bene e, proprio come trasmettono le parole di Giulia, passione, entusiasmo, felicità ed emozione sono le forze motrici che alimentano la nostra esperienza di volontari in Madagascar.

Ciao a tutti,
sono Giulia, ho dodici anni e sto scrivendo su questo sito per un semplicissimo motivo: perché anch’io ho avuto la possibilità di andare in Madagascar e voglio raccontarvi tutto, iniziando da cosa mi ha colpito di più, cioè i bambini. I bambini perché mi è piaciuto tantissimo vedere con cosa giocavano: non sono come noi che abbiamo il cellulare, il tablet o il nintendo, loro non avevano niente e nonostante questo si accontentavano. Avevano solo tre giochi: un bastone con legate due lattine a un cerchio che facevano camminare con un bastone e infine delle buste accartocciate e legate con uno spago che usavano come palla, ma quando ho tirato fuori una vera palla erano contentissimi e ogni giorno giocavamo assieme. Ho anche notato che sono molto responsabili. I bambini però non sono stati l’unica cosa che mi ha colpito: mi hanno colpito molto anche i colori che c’erano per le strade, tutta la frutta una sopra l’altra e messa dentro a delle ceste, stupende.
Mi è piaciuto tantissimo e ora mi ritengo molto più fortunata.
Viaggio magnifico ed emozionante.
Ciao a tutti,
GiuliaFotoxsitoincorniciataWeb